Salviamo le api ♥️ Salviamo il pianeta

meliponicoltura api senza pungiglione
Tutorial apicoltura

La meliponicoltura, l’allevamento delle api senza pungiglione

Sapevate dell’esistenza delle api senza pungiglione? Esse esistono e sono estremamente importanti per i numerosi benefici che si traggono dal loro allevamento. Ma la caratteristica più importante delle api senza pungiglione sta nel miele prodotto, un alimento unico e dalle proprietà nutrizionali e terapeutiche uniche.

Cos’è la meliponicoltura e quali sono le sue origini?

Con il termine meliponicoltura facciamo riferimento all’allevamento delle meliponine, o api senza pungiglione. In tale pratica, le arnie vengono collocate in luoghi specifici con determinate condizioni atmosferiche e di temperatura, con un certo grado di umidità e con la possibilità di approvvigionamento alimentare.

Quando parliamo di ape senza pungiglione ci riferiamo ad una denominazione generica che generalmente si riferisce agli insetti impollinatori appartenenti alla tribù dei Meliponini della famiglia degli Apidi. Per migliaia di anni l’allevamento delle api senza pungiglione, o meliponicoltura, ha costituito un’attività fondamentale per tantissime civiltà in varie parti del mondo. Basti pensare che prima che gli europei introducessero l’ape da miele in America, gli indigeni che abitavano nel Nuovo Mondo raccoglievano miele selvatico dai favi senza pungiglione.

Con l’arrivo dell’ape occidentale (l’insetto impollinatore meglio conosciuto oggi), la pratica della meliponicoltura è andata quasi a scomparire, poiché l’allevamento moderno delle api risulta essere molto più produttivo. Nonostante ciò, oggi molte persone preferiscono allevare l’ape senza pungiglione per le caratteristiche peculiari del suo miele.

Le caratteristiche delle api senza pungiglione

Come abbiamo detto, quando parliamo di meliponicoltura facciamo riferimento all’allevamento delle api. Ma quali sono le caratteristiche di questo tipo di insetti impollinatori? Morfologicamente i loro corpi presentano vari colori, dal dorato al color onice, dal giallo intenso al color cannella.

Anche gli occhi hanno varie grandezze e vari colori: neri, grigi e verde-blu. Rispetto alle api più comunemente conosciute, cioè le api mellifere, le api si presentano come maggiormente esigenti riguardo alle piante da impollinare. Ad esempio, nelle zone native tendono ad impollinare maggiormente proprio le piante del luogo di origine. Motivo per il quale rappresentano un bene inestimabile per la salute del territorio e dell’ecosistema.

Queste api, note per essere socievoli, hanno abitudini di nidificazione uniche e molto varie. Costruiscono i loro favi sia negli alberi, sia nei nidi, sia sotto terra attraverso la cera auto-prodotto e la resina estratta dagli alberi (quell’ultima, in particolare, è nota per le sue proprietà benefiche). L’estrazione del miele dell’ape Melipona non avviene con la stessa modalità utilizzata nell’apicoltura tradizionale, cioè per centrifuga dei telai.

Nella meliponicoltura il miele dentro al favo deve essere rotto o schiacciato per permettere al liquido di uscire fuori. La quantità di miele prodotta ogni anno non è elevata, ma il prodotto che si ottiene è sublime.

Meliponicoltura: i benefici apportati dalle api senza pungiglione

L’utilizzo del miele come prodotto medicinale ha radici antiche grazie ai suoi valori nutrizionali e alle sue molteplici proprietà. Il miele ricavato dalle api si caratterizza per le sue proprietà, fra tutte quelle antimicrobiche, ma anche antinfiammatorie e cicatrizzanti.

Il miele proveniente dall’ape Melipona rappresenta un alimento liquido e agrodolce, la sua densità è infatti minore rispetto a quello delle api del genere Apis per il maggiore livello di umidità. Il suo colore è variabile, a seconda dei fiori “usati” per la produzione si va dal quasi trasparente all’ambra scuro.

La meliponicoltura mira alla produzione di questo speciale miele dalle sostanze chimiche che contribuiscono ad inibire la proliferazione di batteri e agenti patogeni. Per tutte queste ragioni la meliconicoltura produce benefici notevoli, tramite l’impollinazione contribuiscono alla rigenerazione del patrimonio floreale, alle foreste e quindi all’aumento della biodiversità.

L’impollinazione, tra l’altro, produce un valore economico altissimo poiché aumenta la produttività delle colture agricole.

Offerta Speciale Estate
🌼 2024 🌼
Sconto 10%
Sul vasetto in tutte le bomboniere Salva le Api